La scuola nascosta sotto la collina del castello

Share

Che Werner Tscholl non sia nuovo a lavorare in contesti storici significativi non è di certo una novità. Che lo faccia nel massimo rispetto del manufatto storico con interventi nettamente dissonanti rispetto all’esistente, è anch’essa storia vecchia. Ma nell’ampliamento della Scuola Agraria di Burgusio, situata nel castello duecentesco di Fürstenburg in provincia di Bolzano, l’architetto trentino esplora una strada per lui

nuova, adottando un edificio ipogeo che sfrutta i caratteri olografici del sito per ospitare le nuove aule scolastiche.

Costruire nel paesaggio: la risposta degli architetti

L’AMPLIAMENTO DELLA SCUOLA AGRARIA NEL CASTELLO DI FÜRSTENBURG
L’idea progettuale offre notevoli soluzioni dal punto di vista sostenibile ed architettonico poiché, oltre a rispettare i noti dettami del restauro, un edificio ipogeo sfrutta il sistema naturale di inerzia ed isolamento termico offerto dal terreno in cui immerso.

Non di secondaria importanza è di certo il fatto che questa scelta progettuale preserva un altro tipo di sostenibilità, quella paesaggistica, evitando di intaccare i preziosi caratteri peculiari del contesto in cui si colloca il manufatto.

Tscholl era già intervenuto sul castello nel 1999 con un progetto per la medesima scuola che però si inseriva all’interno dell’edificio stesso, ma l’aumento del numero degli studenti ha richiesto un ampliamento della scuola che avrebbe comportato un approccio troppo invasivo nel manufatto storico.

L’architetto pone così i 14000 mc necessari per l’ampliamento della Scuole Agraria su tre livelli nascosti al di sotto della collina del castello, dislocandovi all’interno nuove aule, spazi per gli insegnanti, laboratori, officine, garage e magazzini, oltre ovviamente ai vani tecnici che ospitano un sistema di riscaldamento a trucioli.


Tutto ciò che emerge dall’esterno del nuovo intervento, è il muro di pietra
che disegna le pendici della collina e che, oltre a fungere da ingresso per l’edificio, nasconde un’intercapedine tecnica atta a convogliare la luce naturale negli ambienti interni.

Sono visibili inoltre i tre cortili antistanti al castello che abbracciano due dei tre livelli della scuola, portando luce e aria negli spazi principali, ma sopratutto studiati in modo da permettere la visione del paesaggio, cosa molto particolare per un edificio ipogeo.

La struttura portante è in cemento armato rivestita di pannelli d’acciaio colorato con sfumature che vanno dal rosso all’arancione, a loro volta ricoperti con una lamiera stirata che viene riproposta all’esterno nel corrimano delle scale antincendio e nei parapetti dei cortili.

La bravura dell’architetto trentino non sta solo nell’aver trovato una soluzione progettuale sostenibile su più fronti, ambientale e paesaggistica, ma anche nel saperla far funzionare correttamente, poiché il risultato è un edificio sorprendentemente arioso, illuminato ed accogliente nonostante sia dislocato sottoterra.
Foto | © Rene Riller

Leggi anche:

Edifici intelligenti per riqualificare le città: il progetto della Banca Etica a Padova

A Padova, nei pressi della stazione ferroviaria, si apre tra gli edifici storici dislocati lungo via Tommaseo, la nuova sede di Banca Etica. Il p

Il padiglione di Foster per l’Expo 2015: sarà come dune del deserto

Sono stati resi pubblici i disegni per il padiglione che rappresenterà gli Emirati Arabi Uniti all’Expo 2015, prevista il prossimo anno a Milan

Ripartire da Collemaggio. Il recupero della storica basilica de L’Aquila

La basilica di Collemaggio, uno dei monumenti più conosciuti di L’Aquila, è stata fortemente danneggiata dal sisma del 2009. Con il crollo di

Contrà Leopardi. La poesia ispira un borgo trevigiano

Ad Olmi di San Biagio di Callalta, nel mezzo della campagna trevigiana, su progetto del brillante architetto-artista Toti Semerano, nel 2009 vien

Vuoti urbani post terremoto dell’Emilia. Proposte di recupero di Post Quake Visions

Crevalcore è un piccolo comune medievale di poco più di 10 mila abitanti conosciuto come località tra le più colpite dal terremoto dell’Emi

Tags:


Leggi il seguito

Premio sostenibilità 2013 per una scuola elementare

Scritto da Romina Muccio

Martedì 17 Dicembre 2013 07:29

Share

In occasione della “Settimana della Bioarchitettura e della Domotica” dello scorso novembre, menzione speciale per la categoria “Edifici green colpiti dal sisma” è stata attribuita alla Scuola elementare Garibaldi di Soliera a Modena costruita nel periodo post sisma. Il premio ricevuto ha riconosciuto al progettista Gianluca Perottoni di ViTre studio e al gruppo Rubner esecutore dell’opera, l’aver seguito i principi costruttivi della bioarchitettura

quali l’uso contenuto di energia, la messa in opera di materiali non inquinanti nonché la sostenibilità economica.

L’Eco-scuola costruita in Cina in sole 2 settimane

UN SISTEMA COSTRUTTIVO VIVACE ED EFFICIENTE
La scuola, che spicca per le vivaci tinte pastello dell’involucro, realizzata interamente in legno, è un grande esempio di sostenibilità, caratteristica congiunta alla sicurezza antisismica che non intralcia la flessibilità degli spazi interni.

L’edificio scolastico che ha ricevuto la menzione speciale al Premio sostenibilità 2013 comprende 14 classi che ospitano più di 300 bambini, una sala polifunzionale, una biblioteca, stanze per assistenza sanitaria e la mensa. Gli ambienti interni sono suddivisi da pareti divisorie che non hanno funzione portante e che, all’occorrenza, possono essere “spostate” realizzando un open space che corre per tutta la lunghezza della scuola.

Dal punto di vista della sostenibilità, la scuola vanta la Classe energetica A in quanto ha un consumo inferiore a 30 kWh/mq/anno grazie al sistema costruttivo in legno e al pacchetto di copertura in legno lamellare.
Sul tetto, l’installazione di pannelli fotovoltaici permette di risparmiare circa il 40% dell’energia unitamente ad un sistema di riscaldamento basato sull’impiego di una pompa di calore aria-acqua.

Sostenibili gli stessi tempi di progettazione esecutiva che si sono protratti per soli 11 giorni, altrettanto brevi quelli di realizzazione pari a circa 50 giorni lavorativi che hanno visto nascere una struttura efficiente a tutti gli effetti.

Leggi anche:

Un asilo ecosostenibile in 13 mesi. Il progetto in Val Venosta

Nel 2009 il Comune di Silandro, nella Val Venosta, ha indetto un concorso di progettazione per la realizzazione di un asilo ecosostenibile. La ga

Casa rurale costruita con la tecnica della terra pisè nella campagna toscana

Due architetti e coniugi italiani, Pietro e Sisma Melloni, hanno realizzato una piccola casa rurale nei campi toscani di Stribugliano, in provinc

Energy Box apre nuove frontiere per la ricostruzione a L’Aquila

Energy Box è un progetto virtuoso di ricostruzione post-sisma, terminato la scorsa primavera, in cui prevalgono efficienza, sicurezza e sostenib

Cucinella per il più grande quartiere di housing sociale in Italia

Anche Mario Cucinella firma il Villaggio Expo 2015, la cui inaugurazione è prevista per il primo Maggio 2015. A seguito del concorso del 2008 in

Un’enorme cupola in rame per una cantina umbra: il Carapace di Arnaldo Pomodoro

Osservando da lontano questa imponente eppur quieta cupola di rame che cerca di mimetizzarsi tra gli elementi naturali del paesaggio che ospita l

Tags:



Leggi il seguito

Green2Desk, la linea green-office di Fellows Leonardi

Nell’era della sostenibilitá ambientale, tutto va muovendosi nell’ottica del green e dell’eco. Quella che ai piú malevoli pareva essere solo una moda, sta andando ad influenzare rapidamente ogni attivitá umana. É il futuro e chi vuole restare al passo coi tempi si deve adeguare.Cosí é nata una proficua collaborazione …

Leggi il seguito

Cosa sono le Costellazioni Familiari?

“Le Costellazioni Familiari sono una preziosa integrazione alla terapia” spiega la dottoressa Michela Piu, psicologa e psicoterapeuta che tiene spesso anche conferenze e seminari. E possono riportare l’equilibrio in famiglia, a scuola, in azienda e in altri sistemi comunitari. Cerchiamo di approfondire.

Leggi il seguito

Fitodepurazione, piante ‘spazzine’ per il lago Massaciuccoli

Utilizzare le piante per depurare le acque, è’ quello che è stato fatto nel Lago di Massaciuccoli, dove il Consorzio di bonifica della Versilia Massaciuccoli ha avviato la pulizia dello specchio d’acqua attraverso la fitodepurazione, impiegando un sistema “naturale” per ridurre l’inquinamento. L’impianto di depurazione, …

Leggi il seguito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi