Uffici nell’ex fabbrica siderurgica: sperimentazioni di riuso urbano

Scritto da Lucia Terenziani

Venerdì 21 Febbraio 2014 07:09

Share

Lo studio Ettore Hoogstad Architecten (EHA) ha sviluppato un interessante progetto per uno spazio ufficio all’interno di un ex impianto siderurgico. L’impresa olandese di ingegneria IMd, che ha collaborato in altri progetti con EHA, ha commissionato allo studio di architetti la riqualificazione funzionale di una fabbrica con un’imponente struttura in acciaio sul lato del fiume Maas, a Rotterdam, cogliendo l’opportunità di intervenire

con un progetto di riuso urbano e immaginare un futuro diverso per un manufatto esistente dismesso.

Conversione sostenibile di una vecchia fabbrica. Recupero green nel catanese

Riciclare invece di ricostruire” è stato il filo conduttore dello studio dei progettisti, che hanno mantenuto il “guscio” dell’ex fabbrica, creando all’interno padiglioni contenenti uffici su due piani che dialogano tramite ponti pedonali, scale e passerelle.

I lucernari che sovrastano l’edificio illuminano zenitalmente le parti comuni e i luoghi di lavoro; grandi finestre sono state installate per sfruttare la vista sul fiume.
Lo spazio è concepito in modo da facilitare chi lavora a riunirsi in aule, organizzando lo spazio planimetricamente in modo da facilitare il continuo confronto fra gli utenti, anche girovagando negli spazi di passaggio.

Il colore giallo e i rivestimenti in plastica satinata sono stati scelti per vivacizzare un ambiente che ha trasformato le sue caratteristiche per adattarsi ad uno stile lavorativo diverso da quello per cui l’edificio è nato.

La struttura era già costruita: il guscio in acciaio, il pavimento in cemento e la facciata. La sfida per rendere fruibile nella nostra epoca questo tipo di locali ha previsto un approccio che tenesse conto della sostenibilità dei materiali e una scelta degli arredi minimali adatti ad uso ufficio.

Questo intervento di riuso coniuga esigenze di riqualificazione di un edificio e le esigenze di operatività di un team, sperimentando un nuovo modo di intendere il luogo di lavoro.
Nel novembre 2012 il progetto è stato nominato il Mies Van Der Rohe Award 2013, premio assegnato ogni due anni al miglior progetto architettonico nell’Unione Europea.
Foto | © Petra Appelhof

Leggi anche:

Il nuovo volto green di Mosca: infrastrutture come paesaggi urbani

Nell’era dell’ipermodernità le reti digitali ci hanno in parte liberati dalle ormai obsolete servitù date dalla necessità di un accesso fi

Antiche tecniche costruttive austriache rivivono in un nuovo rifugio alpino

Le antiche tecniche costruttive del popolo Walser rivivono nel nuovo rifugio alpino progettato dallo studio Bernardo Bader Architects. Lo chalet

Abitare sul limitare del bosco: la casa in legno d’abete

Nel comune di Lengau – Austria – sul limitare del bosco sorge D.Residence: non si tratta di una ristrutturazione, ma di una nuova costruzione

L’altissima Cattedrale di rifiuti. Il progetto in costruzione da 50 anni

Se per qualche motivo vi trovaste nei pressi di Madrid, vi consiglio una visita alla Cattedrale di Mejorada del Campo, a circa 12 miglia dalla ca

Upcycle house: una casa interamente riciclata

Upcycle House è un progetto sperimentale che dimostra come un riutilizzo creativo sia possibile anche in edilizia. È un’unità abitativa real

Tags:



Leggi il seguito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi