Birra Expo, Salone Nazionale della Birra Artigianale

Dall’8 all’11 maggio 2014 nei padiglioni di Piacenza Expo si svolgerà Birra Expo, grande evento fieristico nazionale che si propone come vetrina di microbirrifici italiani, aziende di macchinari, attrezzature di produzione e forniture per le birrerie e, soprattutto, come importante momento di incontro tra domanda e offerta per il comparto birraio …

Leggi il seguito

Recensione prodotti italiani: gelateria Grom

Il gelato, come la pizza e il cibo da strada in genere, è da qualche anno di moda. Non che non fosse ora. La moda è sospinta dal dissesto finanziario e dalle ristrettezze economiche, che hanno orientato gli acquisti verso prodotti a basso costo, lanciando una nuova generazione di gelatieri: artigiani e catene, imprenditori e cantastorie. Favorendo in parte un rinnovamento del gelato, o comunque una maggiore attenzione al prodotto che viene detto “gelato artigianale”: nonostante la definizione sia più che ambigua, dato che non c’è una normativa a riguardo. Peraltro la definizione proposta da alcune associazioni di categorie, seppure generica, è dibattuta. Sicché più del 90% delle gelaterie usa semilavorati, il “neutro” e le tre “basi” a più livelli e contenuti di additivi alimentari: addensanti, emulsionanti, coloranti, stabilizzanti etc. Non che si evitino mono e digliceridi dei grassi alimentari, margarina, burro, olio di palma e oli vegetali raffinati in genere.

A tali semilavorati si aggiungono ingredienti più o meno freschi e pregiati, paste o, nel peggiore dei casi, aromi. Il latte ovviamente c’è chi lo usa fresco, chi a lunga conservazione e chi in polvere: e non è così facile fare una piramide di qualità, dato che alcuni dei migliori gelatieri d’Italia, aggiungono comunque latte in polvere (o panna) a quello fresco in fase di mantecazione. C’è poi il discorso degli zuccheri, quasi sempre usati in combinazione: saccarosio, destrosio, zucchero invertito, fruttosio, glucosio, isoglucosio… Tutti ingredienti indistintamente ammessi nel “gelato artigianale”.

Grom, il marchio italiano di gelato non confezionato più noto oggi al mondo, si qualifica invece come produttore di “gelato come una volta”. Fondato nel 2003 da due imprenditori lungimiranti (Martinetti e Grom appunto), non ancora trentenni, in soli 10 anni si è diffuso in oltre 30 città d’Italia. Oltre che a New York (in Usa il consumo pro capite di gelato è il doppio che in Italia) a Parigi e a Tokio. Insomma un fenomeno mondiale. Che afferma di non produrre gelato artigianale in quanto, come dichiarato recentemente “Il termine artigianale in questo settore non vuol dire necessariamente qualità. Che qualità c’è a tenere sotto il banco semilavorati industriali da mescolare con polvere e acqua? Non basta che una cosa sia fatta a mano perché sia buona. Dire artigianale dovrebbe significare che un prodotto è fatto alla perfezione… Abbiamo messo tutta la nostra fatica e la nostra inventiva nella scelta delle materie prime… Oggi abbiamo 17 ettari di nostra proprietà per la produzione di frutta che coltiviamo con criteri biologici. Il nostro gelato è forse più caro di altri, ma so con assoluta certezza che nel mondo oggi nessuno utilizza materie prime di qualità pari alle nostre. Non per niente, come abbiamo detto fin dall’inizio, il nostro è il gelato più buono del mondo”.

Il sedicente “gelato più buono al mondo” è fatto in un centro di produzione industriale unico a Mappano di Caselle, Torino, per poi essere trasportato congelato (proprio in Italia dove la catena del freddo è un’utopia), dopo la pastorizzazione, ai vari punti vendita, dove viene finalmente mantecato (quindi scongelato e poi ricongelato?), e messo nei pozzetti del banco frigo che, a differenza delle vaschette, pur non consentendo di gustare il prodotto con gli occhi, lo mantengono meglio e più a lungo: specie quelli con sistema di raffreddamento liquido.

Qualcuno, per far storcere il naso, ha paragonato il prodotto dell’azienda a un “precotto”.

Come ingredienti di base Grom dichiara di usare solamente un addensante, la farina di semi di carrube; due tipi di zucchero, destrosio e saccarosio di canna; latte fresco pastorizzato di Alta Qualità. Chiaramente sono riportati anche tutti gli “altri” ingredienti specifici di alcuni gusti, come ad esempio lo sciroppo di glucosio nel Marron Glacé (riportati al plurale francese con vezzo d’incuria linguistica) o l’olio vegetale (quale?) del Torrone di Nocciole.

Abbiamo assaggiato il gelato di Grom in vari mesi e varie città d’Italia (non ultimo anche a New York), ma in questo articolo ci riferiamo a quelli presenti nella lavagna di luglio, dato che ogni mese cambiano.

L’impressione generale è che si tratti di una impresa di successo, in un settore che andava rimodernato: il personale in divisa è attento e pulito, talora lento ma professionale, i locali sono spesso affollati. I gelati non sono di certo i migliori al mondo, ma nemmeno sono affetti da quelle ingenuità patenti di altre catene: i colori sono sobri, le consistenze medie, i gusti non sdolcinati (non tutti, ma almeno non bisogna prosciugare una fontana subito dopo) anche se scompaiono presto dalla bocca. Tecnicamente insomma buoni, malgrado pecchino più di persistenza che di intensità. E senza dubbio peccano di densità e complessità. Alcuni gusti intrigano, sono ben fatti come un disegno col righello, ma nessuno appaga. Meglio forse i gusti alla frutta che gli altri: il limone, un poco sciocco (toscanismo) fa rimpiangere il Siracusa Igp che c’è dentro; l’albicocca è buona ma un poco dolciona, meglio con meno zucchero; il lampone è fedele ma poco concessivo, non si dà al palato; la nocciola è molto tostata, più d’effetto che di sostanza, con finale asciutto; la crema è equilibrata per quantità di uovo ma non mai lasciva o gustosa, abbandona presto il palato; il cioccolato e il “bacio”, pur senza difetti, sono pure senza pregi; il caffè, al naso serioso, alla bocca sembra uno di quei caffè scecherati da spiaggia.

Infine abbiamo provato anche la famigerata stracciatella, il gusto più amato dai clienti di tutte le gelaterie e più odiato dai gastromani: poco omogenea, meglio le scaglie di cioccolato che il resto.

Il costo del gelato ai aggira sui 20 euro al chilo (a Milano 24): due gusti costano 2,50 euro- tre gusti 3,5 euro. I migliori gelati d’Italia hanno all’incirca lo stesso costo. Ma di questi parleremo in seguito…

Gelati Grom

Leggi il seguito

Il pane che compri è veramente bio? e lo sarà anche in futuro?


Giovani e meno giovani che riempite i carrelli e le buste di profumato di mater-bi (sa di pollo arrosto, non trovate?) nei supermercati del biologico, che andate nei mercatini locali e comprate pani genuini e clandestini, che al grande ipermercato acquistate filoni pre-affettati e confezionati che sono indigeribili ma perfettamente certificati e controllati, pronti per essere spalmati di simil-nutella veg (ovviamente bio): il vostro pane bio è veramente bio?

Stavolta non si parla di farine, nè di miglioratori o altre amenità: parliamo di lievito.
Suvvia, qui siamo tutti tra amici della pasta madre e ci si capisce al volo. Abbiamo già smascherato le paste acide essicate dopate con lievito di birra, ne sappiamo una più del diavolo. Tiè.

Per essere bio, e quando dico bio dico bio certificato, oggi il pane può essere prodotto tranquillamente anche con lievito di birra.
Stupiti? Spero di no. So che però può essere un brutto colpo per molti di noi.


Non ho statistiche alla mano ma posso tranquillamente dire che buona parte del pane bio in commercio, sia “fresco” che confezionato, sia artigianale che industriale, è prodotto con lievito di birra. Se ci mettiamo anche i prodotti da forno, come crackers e grissini, la percentuali si alza ancora più decisamente.

Lievito di birra, o meglio detto “compresso”, per i pignoli del caso, che, tranne in un caso – quello prodotto da un’azienda tedesca (Agrano, a marchio Bioreal) – non è biologico ma di produzione convenzionale. (Niente di male, eh, ma almeno siamo chiari).
Insomma, sì, identico a quello che possiamo trovare nel banco frigo del supermercato e che il panificatore sotto casa trova dai distributori specializzati o presso l’associazione panificatori.

Ora, che succede?
Alla luce di un aggiornamento alla regolamentazione europea sulla certificazione biologica, dal 31 dicembre 2013 il lievito sarà considerato un ingrediente di origine “agricola”.
Parlo arabo?
Vi spiego. In pratica il lievito sarà equiparato a tutti gli altri ingredienti di origine agricola, come ad esempio la farina, e quindi sarà obbligatorio utilizzare una materia prima bio per avere un prodotto finito (pane o derivati) certificato bio.

Naturalmente oggi il lievito bio (la sola azienda che vi citavo prima) è decisamente più caro (costa circa il doppio) del lievito convezionale e così sarà anche nel vicino futuro (difficoltà di produzione, mancanza di economie di scala, condizioni di piccolo monopolio).

Quali sono dunque gli scenari possibili?

1- Aumento dei prezzi dei prodotti da forno bio: il lievito di birra incide in una bassa percentuale nei panificati (di solito inferiore al 2% rispetto alla quantità di farina) ma di sicuro il rischio di aumento dei costi e dei prezzi al pubblico è alto. Voci dal ministero dicono che si potrebbe assistere a un aumento del 20-25% del prezzo dei prodotti da forno bio ora preparati utilizzando lievito di birra convenzionale.

2- Per i prodotti più artigianali, quelli dei mercatini e del panettiere sotto casa, per intenderci, c’è il rischio che si continui a utilizzare il più comodo, economico e facilmente reperibile lievito convenzionale con le conseguenze di vendere pane non più veramente biologico oppure pane bio “fuorilegge“, cioè venduto come bio quando invece viene utilizzato il sempre solito nostro acerrimo nemico lievito di birra 🙂 (metto la faccina per far capire che si scherza, veh)

3- Un ritorno all’utilizzo, anche nei processi industriali biologici, della pasta madre, con un conseguente abbattimento dei costi vivi di materie prime e della qualità del prodotto finito, così come della nostra salute e del nostro umore (certo, si parla di pasta madre utilizzata come Dio comanda)

Qual è lo scenario più probabile?
Andremo verso un mero aumento dei costi, all’insegna della comodità e di qualche lamentela e piagnisteo o ci troveremo davanti a un utilizzo più oculato e attento degli strumenti che la natura ci ha messo gratuitamente a disposizione?

Voi che dite?

Leggi il seguito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi