Le alghe in cucina

Le alghe in cucina

Viverenews

alghe 2Le alghe costituiscono un’ottima fonte di alimentazione poichè  tutti gli elementi di cui ha bisogno l’essere umano si trovano nelle alghe in quantità sufficiente a garantire una buona salute. Le popolazioni costiere di tutto il mondo hanno lunghe tradizioni culinarie a base di alghe e l’ambiente mediterraneo non fa eccezione, anche se il loro utilizzo è meno diffuso che in altre zone.

L’utilizzo alimentare delle alghe ha origini molto antiche, se ne hanno notizie sicure risalenti al 300 a C. Esse infatti hanno costituito fin dai tempi più remoti un elemento comune nella dieta di molti popoli, soprattutto Cinesi, Coreani e Giapponesi. Solo in tempi più recenti il loro utilizzo si è esteso anche ad altre aree geografiche: Europa, Nord America, Russia.

Le alghe più utilizzate sono quelle verdi ( Ulva lactuca, Codium ), quelle brune (Laminaria, Alaria ), quelle rosse (Chondrus, Gigartina ), quelle azzurre (Spirulina maxima ) e quelle blu-verdi ( Nostoc).

Il valore nutritivo delle alghe è dato dai loro componenti principali: carboidrati, proteine, grassi, micronutrienti (sali di sodio e di potassio,vitamine del gruppo B, betacarotene). Un ruolo importante è volto dai sali minerali e dalle vitamine. un consumo giornaliero di soli 100 grammi di alghe commestibili è sufficiente a sopperire al fabbisogno giornaliero di vitamina A, B2, B12 e C nonchè di sodio, potassio, calcio, ferro e magnesio.

Le alghe marine sono scientificamente riconosciute come un alimento dall’alto valore nutritivo: presentano un basso contenuto di calorie e di grassi, offrono un’alta concentrazione di minerali, vitamine e proteine, presentano molte fibre dietetiche, contengono un elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi.

alghe 3

Per introdurre le alghe nell’alimentazione non è necessario modificarla radicalmente, basta arricchire le pietanze tradizionali con un cucchiaino circa di alghe. Le varietà eduli sono vendute essiccate, pertanto prima di essere utilizzate vanno lavate e poi lasciate in ammollo per 5-10 minuti. Per Eliminare il “sapore di mare” che a qualcuno potrebbe risultare sgradevole, è sufficiente saltare alghe con una piccola quantità di acqua fino alla completa evaporazione di quest’ultima e poi aggiungerle a zuppe, sformati, minestre, piatti di legumi poco prima di completare la cottura.

Sperimentare le alghe in cucina è molto semplice. Quando si cuociono le leguminose, lenticchie, ceci, soia, piselli, mettere un pezzetto di alga nella pentola: renderà le pietanze più gustose, più digeribili e più tenere. Ogni piatto di pesce migliora nel gusto aggiungendo un pezzetto di alga wakame o di alga nori, che può servire anche da decorazione. Per iniziare è consigliabile l’alga arame, che a un sapore delicato, non spiccatamente marino e che si combina bene con tutte le verdure cotte e le insalate crude.

Paola Agnolucci

Related posts

  • Avocado, frutto prodigioso
  • Alghe: le diverse tipologie, le proprieta’ e come utilizzarle
  • Panini con Burger di lenticchie
  • Capperi: antistaminici naturali
  • Il Parmigiano Reggiano, sano, gustoso e digeribile

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Le alghe in cucina

Argomenti trattati: 333 | Il Benessere in primo piano: salute, crescita personale, spiritualità. Ambiente, Alimentazione e Rimedi Naturali.
Altre informazioni inerenti Le alghe in cucina:

paola
http://www.viverenews.it/?feed=rss2
Viverenews
Uno Strumento Per Vivere Bene

BioNotizie.com

Web Net 3.0 Realizzazione siti web con integrazione social network e community features. Campagne web marketing e strategie SEO personalizzate. Article Marketing. Link Building.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi